Progetti futuri

Cosa abbiamo in mente per il prossimo futuro non sarà un segreto e vi forniamo spiegazioni in merito.

Serie

La prossima serie?
Sappiamo già che la vostra unica domanda è questa e, in parte, è anche la nostra, ma è quasi sempre improbabile poter avere una risposta. I motivi sono vari, ma noti: quali serie avranno la fortuna di avere una licenza italiana? Quali di queste in prossima uscita varrà davvero la pena di sottotitolare?
Purtroppo alla prima domanda non c’è alcuna risposta che si possa dare con mesi di preavviso; molto spesso le licenze vengono acquisite e/o comunicate al pubblico quando oramai la serie sta per uscire in Giappone, pertanto, con poco margine di tempo.
Alla seconda, invece, si può dare una risposta più chiara e veloce: quelle che ci ispirano. Ispirano noi, ovviamente. Quindi, niente mecha, salvo incredibili sorprese, o titoloni super pubblicizzati che spesso risultano poi essere mediocri.
La cosa sicura è che nulla uscirà nei prossimi 2-3 mesi in quanto abbiamo bisogno di effettuare dei test tecnici. (leggete l’ultimo paragrafo di questo articolo)

Manga

La lettura di Natsume degli Spiriti sarà una cosa che, molto probabilmente, proseguirà per i prossimi 7-10 anni in quanto all’autrice non è stato chiesto né di darsi una mossa con la trama né di completare l’opera. Probabilmente finirà per essere il suo unico lavoro da qui alla pensione e la pubblicazione italiana dei volumi è semestrale. Inutile dire che, nel frattempo, potremo leggere dell’altro.

Kakegurui

Abbiamo già per le mani una decina di volumetti per cui sarà il primo a cui daremo un’occhiata. Non ci siamo spoilerati nulla che non sia la trama di base: scuola + giochi d’azzardo. Il disegno è “attraente”. L’unico problema riguarda il quantitativo di volumi presenti: oltre alla trama principale c’è una versione “Twins” che non abbiamo compreso del tutto, forse uno spin-off parallelo.

HoriMiya

È stato affiancato al famoso Toradora pertanto non poteva che finire in mano nostra. L’unica perplessità riguarda autore e editore: HERO e Square Enix. Le capacità e i disastri in ambito videoludico di quest’ultima sono noti a tutti coloro che hanno avuto a che fare con essa. Non immaginavamo avesse una divisione legata ai manga che non fosse dipendente dai suoi celebri lavori, Final Fantasy su tutti. Inoltre la Wiki riporta un preoccupantissimo “Self published”: in pratica è un lavoro autoprodotto da questo HERO che potrebbe non essere una persona sola. Staremo a vedere.

Tokyo Ghoul

Non so se riusciremo a darci un’occhiata in quanto il tempo libero è poco, ma siamo molto curiosi di capire come una trama così complessa e ben ambientata possa aver prodotto quelle serie animate incomprensibili che quasi tutti voi avete potuto vedere. In questo caso gli spoiler ce li siamo fatti alla grande, ma non ci abbiamo capito moltissimo. Purtroppo ci sono tantissimi volumi e vari sequel/prequel. Vedremo.

Test tecnici

Il passaggio a Windows 10 è obbligatorio per poter continuare a utilizzare un comunissimo computer di casa pertanto avremo bisogno di svariate ore di test sulla nuova versione del software di encoding video per i sottotitoli.
L’ultimo test risale all’anno scorso quando provammo a gestire il film di Hirune, ma abbiamo ottenuto un problema irrisolvibile composto da buchi audio. Parti del film perdevano completamente il sonoro per una decina di secondi andando poi a sfasare tutto il resto.
Nulla di cui preoccuparsi troppo, in verità, in quanto il file originale di quel specifico film aveva supporti per audio 5+1 e il formato video era (quasi) originale. Un file FLAC di 23 giga.
Non si può definire un vero e proprio test, pertanto, ma ci ha dato modo di capire come funziona la nuova versione del programma. Nelle prossime settimane effettueremo dei test con gli episodi di Yagate nella speranza di ottenere migliori risultati di quelli attuali.

Lascia un commento