Progetti futuri

Quali progetti abbiamo in mente per il prossimo futuro con alcune spiegazioni in merito ai titoli scelti.

Serie

La prossima serie?
Sappiamo già che la vostra unica domanda è questa e, in parte, è anche la nostra, ma è quasi sempre improbabile poter avere una risposta. I motivi sono vari, ma noti: quali serie avranno la fortuna di avere una licenza italiana? Quali di queste in prossima uscita varrà davvero la pena di sottotitolare?
Purtroppo alla prima domanda non c’è alcuna risposta che si possa dare con mesi di preavviso; molto spesso le licenze vengono acquisite e/o comunicate al pubblico quando oramai la serie sta per uscire in Giappone, pertanto, con poco margine di tempo.
Alla seconda, invece, si può dare una risposta più chiara e veloce: quelle che ci ispirano. Ispirano noi, ovviamente. Quindi, niente mecha, salvo incredibili sorprese, o titoloni super pubblicizzati che spesso risultano poi essere mediocri.
Di seguito alcune progetti che ci piacerebbe molto portare assieme ai manga che stiamo leggendo.

Chihayafuru 3

Se non avete visto le prime due serie vi siete persi un ottimo titolo; recuperarlo sarà complicato in quanto si tratta di un’opera non licenziata in Italia uscita molti anni fa.
Si parla di un gioco, il Karuta, dove ci si sfida uno contro uno o a squadre con un mazzo di carte apposito e tante poesie cantate in vecchio stile giapponese. Lì per lì siamo sicuri avrete alzato un sopracciglio, ma vi assicuriamo che saprà rapirvi grazie ad un’ottima stesura dell’ambientazione.
Per quanto riguarda la trama speriamo tanto che questa terza stagione di Chihayafuru offra qualche sbocco anche sotto il profilo romantico, appena accennato nelle prime due serie.
Il manga risulta ancora in corso dopo 42 volumi.
È la nostra prima scelta!!

Mugen no Juunin

Un rifacimento animato per un titolo iniziato addirittura nel 1993; ci racconta la storia di un samurai immortale, maledetto da un parassita, che per poter lasciare questo mondo deve uccidere 1000 criminali.
Se avete giocato Sekiro e vi è piaciuto dovreste trovare alcune similitudini in queste poche righe sulla trama. Il manga è composto da 30 volumi ed è stato pubblicato dalla Planet Manga, mentre la prima serie animata non è mai arrivata da noi.

Human Lost

La novel intitolata “No Longer Human” del 1948 di Dazai Osamu, che abbiamo conosciuto in Tsuki ga Kirei, vede la sua trasposizione in un film. Siamo molto curiosi per questo progetto perché l’autore è uno dei più famosi in Giappone e quest’opera è persino stata pubblicata in Italia dalla Feltrinelli.
Abbiamo intenzione di mettere i sottotitoli in italiano su quest’opera, ma potrebbe volerci molto tempo. Non siamo affatto convinti sarà un lavoro facile.
Augurateci buona fortuna!

Manga

La lettura di Natsume degli Spiriti sarà una cosa che, molto probabilmente, proseguirà per i prossimi 7-10 anni in quanto all’autrice non è stato chiesto né di darsi una mossa con la trama né di completare l’opera. Probabilmente finirà per essere il suo unico lavoro da qui alla pensione e la pubblicazione italiana dei volumi è semestrale. Inutile dire che, nel frattempo, potremo leggere dell’altro.
Se volete qualche informazione in più su Natsume potete leggere la nostra recensione sui 22 volumi che abbiamo letto.

Kakegurui – 2

Abbiamo letto i primi 11 volumi, unici usciti sino ad ora e nei prossimi giorni pubblicheremo una recensione parziale di questo Kakegurui. Vi confermo che non abbiamo visto la serie animata e non è nostra intenzione farlo.
Il manga è ottimamente disegnato e riteniamo non ne valga la pena.
Se volete leggerlo lo trovate pubblicato dalla Jpop.

HoriMiya

È stato affiancato al famoso Toradora pertanto non poteva che finire in mano nostra. L’unica perplessità riguarda autore e editore: HERO e Square Enix. Le capacità e i disastri in ambito videoludico di quest’ultima sono noti a tutti coloro che hanno avuto a che fare con essa. Non immaginavamo avesse una divisione legata ai manga che non fosse dipendente dai suoi celebri lavori, Final Fantasy su tutti. Inoltre la Wiki riporta un preoccupantissimo “Self published”: in pratica è un lavoro autoprodotto da questo HERO che potrebbe non essere una persona sola. Staremo a vedere.

Tokyo Ghoul

Non so se riusciremo a darci un’occhiata in quanto il tempo libero è poco, ma siamo molto curiosi di capire come una trama così complessa e ben ambientata possa aver prodotto quelle serie animate incomprensibili che quasi tutti voi avete potuto vedere. In questo caso gli spoiler ce li siamo fatti alla grande, ma non ci abbiamo capito moltissimo. Purtroppo ci sono tantissimi volumi e vari sequel/prequel. Vedremo.

Test tecnici – 2

Abbiamo fatto alcuni test e altri ne faremo prossimamente per confermare il corretto funzionamento del software di encoding. Per ora sembra funzionare tutto correttamente, ma avremo maggior sicurezza prossimamente.

Lascia un commento