Chihayafuru 3 – Ep. 11

Undicesimo episodio della terza serie di Chihayafuru: Harada chiede aiuto ai suoi ragazzi dell’associazione Shiranami per battere Arata.

si sta gia’ alzando una nebbiolina in questa serata autunnale.

Manca un mese allo scontro tra i finalisti dell’est e dell’ovest del Giappone e ognuno si prepara secondo le proprie convinzioni. Inokuma si affida alla scuola Fujisaki e all’amica Sakurazawa che la sottopone a svariate sfide nonostante, questa, si renda conto che giocare a karuta in modo professionistico sia problematico con due bambini piccoli.
Arata si affida alla sua associazione nonostante all’interno di questa non ci sia nessuno in grado di competere contro di lui. Al massimo Murao.
Di Megumu non sappiamo niente, pazienza.
Quello che più ci interessa è Harada che chiede a gran voce l’aiuto di tutti i suoi alunni all’associazione Shiranami per potersi preparare al meglio contro Arata, più giovane e tecnicamente più abile di lui. Taichi si occuperà di studiare il modo di giocare dell’amico di infanzia mentre Chihaya proverà a capire qualcosa in più su Suo-san.

I finalisti delle qualificazioni di karuta.
Megumi vs Haruka | Arata vs Hideo.
Brevi impressioni

Continuano i buoni episodi: in questo come in altri non c’è Chihaya al centro della situazione e questo permette di godere appieno di sentimenti e avvenimenti.
Vediamo, infatti, le difficoltà personali di Inokuma nel dover quasi scegliere tra i suoi figli e la sua passione del karuta venendo salvata dalla mamma di Kanade, (che come al solito fa paura) la quale, rifila una palpata al seno della giocatrice come se nulla fosse.
Assistiamo al leggero nervosismo di Sakurazawa nell’aver a che fare con la storica rivale, alle difficoltà di Taichi nell’accettare di dover simulare il modo di giocare di Arata.
Chihaya? Ah beh, si comporta da sciocca persona quale è divisa tra la sua passione esagerata per un gioco non vitale e il desiderio di voler fare l’insegnante. Con quei voti non credo abbia speranza.

Harada-sensei ci viene mostrato, ammesso ve ne sia bisogno, come un uomo sì cocciuto, ma affatto stupido, capace di riconoscere la capacità altrui e valorizzarla. Chiedendo aiuto a coloro che ritiene, probabilmente, migliori di lui nel gioco, come Taichi, ad esempio, grazie alla sua dinamicità. La Shiranami, non a caso, è una delle migliori associazioni nazionali.
Spero che anche il prossimo sia un bell’episodio nel quale potremo assistere a due belle partita di karuta. E vorrei che anche Megumu avesse una parte, se lo merita visto che in questo frangente Chihaya è, giustamente, seduta in disparte.

Su questa pagina troverete gli episodi da scaricare: LINK

Qui trovate il sito ufficiale dell’anime (in giapponese): LINK

Lascia un commento