Chihayafuru 3 – Ep. 12

Dodicesimo episodio della terza serie di Chihayafuru: la prima partita per decidere gli sfidanti viene vinta dai vecchietti di turno.

I petali dei fiori

Le sfide sono piuttosto tese e i quattro sfidanti si danno battaglia per poter prevalere l’uno sull’altro, sfruttando appieno il proprio modo di giocare oppure cambiando in corsa le proprie strategie.
Quest’ultima situazione vede da vicino Arata che, alle prese con Harada, deve sin da subito cambiare il posizionamento delle proprie carte; mentre il sensei, navigato giocatore, sfrutta appieno gli allenamenti fatti nelle settimane precedenti.
Alla fine della prima contesa Harada-sensei vince contrastando efficacemente la velocità di Arata con la calma e la pazienza di prendere le carte con più alta %. Cosa che lascia perplesso Arata: ha qualche asso nella manica, ma sembra dubbioso su quale usare. Inoltre, a peggiorare le cose, ci si mette proprio Harada che rinuncia a giocare la seconda partita.

Nella sfida femminile, la prima partita va a favore di Inokuma che continua, però, a non essere convinta dell’essere in quella situazione. Divisa tra il voler diventare di nuovo Queen e due bambini di cui occuparsi.

chihaya ragazzina e lo sfidante arata
L’allegra Chihaya da bambina.
Brevi impressioni

Purtroppo per noi, gli sfidanti sono soltanto due, in quando la sfida femminile tra Megumu e Inokuma si vede soltanto per qualche istante. Buon per noi che la precedente Queen è stata ben caratterizzata, ma spiace non aver riscontro alcuno riguardo Megumu.
Certo, non sarebbe un personaggio così speciale, descritto a più riprese come una ragazza normalissima delle superiori, però da quasi fastidio aver a che fare con Sakurazawa e non con lei. Qualcosina in più si potrebbe fare altrimenti le prossime sfide di Chihaya risulteranno nuovamente vuote e troppo incentrate sugli occhioni della protagonista. Sinceramente, Rion, ne ha da mangiare di riso ancora per raggiungere certi livelli. A meno che non Sakurazawa non torni alla ribalta.

Per quanto riguarda gli sfidanti maschili posso confermare quanto detto in precedenza: Arata è un personaggio veramente gestito male. Non è soltanto un problema di scelta, in merito al suo carattere tranquillo e poco estroverso; risulta poco interessante sotto quasi tutti i punti di vista. Un “Megumu” al maschile cui viene offerto molto più spazio che non viene sfruttato per niente.
Vive di flashback e non c’è stato ancora spiegato quella strana richiesta fatta ai genitori riguardo il tornare a Tokyo. Quando? Perché?
Abbiamo visto persino come siano riusciti a dare vita ad un buon personaggio con Suo Hisashi in poche scene. Non capisco quale sia il problema con Arata.

Su questa pagina troverete gli episodi da scaricare: LINK

Qui trovate il sito ufficiale dell’anime (in giapponese): LINK

Lascia un commento