Vagabond in lettura

Vagabond ci porta indietro nel tempo, in un’epoca nella quale samurai e guerrieri si sfidano per il proprio piacere personale.

Trama

A parte l’epoca in cui è ambientata quest’opera non sapevo molto altro; sapevo, attraverso ricerche in internet, che il suo valore era molto alto e che l’autore era lo stesso di Slam Dunk. Non ho letto questa sua opera, ma so bene quanto successo abbia riscosso nel mondo pertanto decisi di prenderlo dallo store online della Panini (Planet manga).
Takezo Shinmei è un giovane uomo dotato dal punto di vista fisico che ha passato una brutta infanzia e giovinezza in quanto figlio di un samurai alquanto cattivo e spietato.
La sua prima e unica battaglia è quella che si combatte a Sekigahara, inizio di una nuova era per l’intera nazione.
Riuscito a salvarsi da morte certa, decide di intraprendere un lungo viaggio per diventare “incomparabilmente forte”. O così è stato tradotto in italiano.

Disegno

Superlativo, figlio di un artista vecchio stampo abituato ad usare pennini di vario genere; capace di visualizzare nella sua mente ciò che vuole disegnare. Una qualità nel disegno che definire incredibile è, forse, riduttivo grazie ad una cura maniacale per ogni singolo dettaglio: che si tratti di un volto, di un albero o di un kimono.
Ogni volta che si sfoglia una pagina di un qualsiasi volume, sono arrivato al 13°, la magia del disegno riesce a portarci all’interno della sfida in corso o della scena quasi potessimo parlare con Takezo o uno degli altri protagonisti.

Autore

Come già accennato si tratta di un autore dalla fama mondiale grazie alla sua opera Slam Dunk.
Sebbene non lo abbia mai sfogliato, a me il basket piace relativamente poco, né abbia potuto seguire l’anime con attenzione a causa degli orari di trasmissione dello stesso qui in Italia, mi aspettavo qualcosa di ben realizzato. Di certo non mi sarei mai immaginato qualcosa di eccelso.
L’opera, sino ad ora, è davvero di un altro livello per qualità del disegno che esposizione degli avvenimenti al suo interno.

Aspettativa

Il problema principale, dopo aver letto tredici volumi, riguarda soltanto la trama: questa, infatti, racconta la vita di un personaggio realmente esistito, sebbene un po’ rimaneggiata dall’autore.
Sembra pendere un po’ troppo verso scontri uno vs uno senza un reale motivo perché questi avvengano: va bene, Takezo vuole essere il più forte del Giappone, ma risulta un po’ forzata nella sua ricerca.
Il protagonista viene più volte massacrato a colpi di katana, kusarikama, ecc… per cui sorge spontaneo chiedersi come possa continuare questa sua battaglia senza l’aggiunta di una più forte motivazione. Tra l’altro, non serve nessun padrone per cui non ci guadagna niente.

Sito ufficiale del titolo: LINK !
Per leggere altre nostre recensioni puoi andare a questo LINK !

Lascia un commento